Politica regionale: il PD esce dalla Giunta Crocetta

20130923-220544.jpg

Un durissimo intervento quello del segretario regionale del PD, Giuseppe Lupo, che ha annunciato oggi la fuoriuscita dal Governo regionale guidato da Rosario Crocetta. Il Partito democratico si è riunito, come previsto al San Paolo Palace, ma il governatore ha disertato l’incontro, come già annunciato.

Giuseppe Lupo: “L’esigenza di un rafforzamento politico è proprio finalizzato ad aiutare il governo nell’affrontare le tante emergenze della Sicilia. Ci dispiace che oggi il presidente sia assente. Se ce lo avesse chiesto in tempo, avremmo potuto rinviare, visto il motivo. Però una cosa va detta: il governatore ha trattato il tema in maniera volgare. Crocetta ha fatto credere si trattasse di una questione di poltrone. Noi non abbiamo mai fatto nomi nè numeri. Anche dopo la riunione del 20 luglio, il governo ha continuato sulla vecchia strada. Non solo il Pd e il gruppo del Pd all’Ars non è stato maggiormente coinvolto, ma è stato addirittura escluso da decisioni molto importanti. Siamo riusciti, in qualche occasione, a correggere gli errori. In altri casi no. Faccio qualche esempio: l’aumento dell’addizionale Irpef per pagare i debiti alle imprese. È inconcepibile pensare che si possano aumentare le imposte per i prossimi trent’anni ai siciliani senza coinvolgere i gruppi di maggioranza. lupo È inconcepibile pensare di fare una riforma come quella delle città metropolitane, che prevede l’abolizione di qualche comune, senza coinvolgere i sindaci del Pd, senza avvisare il partito nemmeno con una telefonata. Questo non è il nostro modo di governare. Non è il nostro modo di intendere il rapporto tra governo e maggioranza”. “Abbiamo lealmente sostenuto finora il presidente Crocetta. Abbiamo approvato il bilancio e la norma sulla doppia preferenza di genere. E il presidente avrà il nostro supporto su tutte le norme che riguardano la lotta alla mafia. Mi ha fatto molto male leggere che il presidente, che si considera un condannato a morte dalla mafia, avesse ventilato l’ipotesi che il Pd potesse lasciarlo da solo su questo tema. È un’offesa a un partito da sempre in prima fila nella lotta all’illegalità. Trovo scorretto anche che il presidente della Regione racconti che il Pd abbia chiesto di far uscire dalla giunta l’assessore Sgarlata. È stato il presidente Crocetta a dire che l’assessore Sgarlata poteva dedicarsi ad altro. Adesso basta con gli insulti. Chi predica la legalità dovrebbe essere rispettoso nei confronti del Pd. Prendiamo atto che Crocetta ha preso le distanze dal Pd. Noi non ci riconosciamo più nell’azione del governo Crocetta. Non ci sentiamo più vincolati a sostenere l’azione di un governo che sta commettendo errori gravi che si ripercuoteranno sui siciliani. La mia proposta: non partecipiamo al vertice di maggioranza sul tema del rimpasto. Un tema che il partito non ha mai posto. Il presidente Crocetta ha fatto anche questo, l’ha buttata in rissa, facendo passare il messaggio che il Pd fosse interessato alle poltrone. Non ci sentiamo quindi rappresentati in giunta dagli assessori in quota Pd. Prendano loro le decisioni conseguenti, sapendo che non rappresentano più il partito nel l’esecutivo. Da adesso, valuteremo provvedimento per provvedimento e atto per atto”.

tratto da livesicilia.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...