In mostra il pop barocco, per una contemporanea gioia folle e creativa

 

di Elisa Martorana

Per tutto il mese di gennaio 2014 presso l’associazione culturale Bobez in via Isidoro la Lumia 22 a Palermo è possibile visitare la mostra THE POP BAROCCO GHOST di Beatrice Bea Filangeri. L’artista di nobile discendenza, presente alla 52° biennale di Venezia espone il suo personalissimo stile Pop Barocco. Il termine Barocco è utilizzato per indicare un movimento culturale del XVII secolo. Inizialmente il termine ha assunto un senso negativo e solo verso la fine dell’Ottocento è iniziata una rivalutazione del barocco grazie all’impressionismo al simbolismo, che evidenziava agganci con l’epoca barocca. Pochi sanno che il Barocco ha un’anima molto gioiosa, nonostante l’abbondanza e gli eccessi di origine classicheggiante che lo caratterizza, infatti, il termine nella Francia del XVII secolo “baroque”, significa “stravagante, bizzarro”. Esaltano al massimo tutte queste qualità le opere della nobile siciliana Beatrice Bea Filangeri, fondatrice del Pop Barocco. Da sensibile artista oltre che aristocratica trasfigura il periodo barocco tramite il pop. Nelle opere in mostra il pop, non è tanto una riproduzione degli artisti americani degli anni 60, ma una contaminazione della massa contemporanea. Nei manufatti sembra convivere in un gioco allegorico e irriverente il perfetto equilibrio nobiltà e massa, ed ecco che figure come il PRINCIPE DI MONFORTE prende forma da ghirigori multi-color e messaggi by street, zoccoli e figure classiche contornate da icone pop come le buste degli sms, esaltati dal comune magenta brillante, che acceca gli occhi abbracciando lo spettatore in un unico e profondo sguardo dissacratore e ammaliatore. “L’arte è un carnevale, è come entrare in un luna park” – dichiara l’autrice Beatrice Bea Filangeri. L’arte per essere tale deve essere figlia del proprio tempo, e queste opere, non solo sono figlie del tempo e del mondo della stessa artista ma sembra voler sussurrare a questi tempi difficili che si stanno consumando, che la vita va vissuta con gioia, al di sopra di ogni cosa, classe sociale ed età che sono solo dei blocchi mentali che non permettono la libertà interiore, proprio come in un luna park, tutti bambini eterni per vivere nella consapevolezza di essere anime gioiose che vivono e crescono insieme. Questa expo va visitata e vissuta per iniziare un nuovo anno all’insegna dell’arte, della cultura e della gioia collettiva, tutte doti e sensibilità esaltate al massimo nelle opere di Beatrice Bea Filangeri, una mostra da non perdere per chi vuole un mondo lucentemente esclusivo e sognate ma concreto e ammaliante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...