Rubavano chiavi di casa dalle auto: in manette. I suggerimenti delle Forze dell’ordine per evitare furti

Dall’auto all’appartamento grazie alle chiavi di casa lasciate incustodite nel porta-oggetti mentre si consumava un momento di relax o per un bagno nel mare di Mondello.

Era questo il “modus operandi” dei due ladri palermitani arrestati ieri pomeriggio dai Carabinieri della Compagnia di Palermo Piazza Verdi.

DI MAIO Fabio, palermitano classe 1983 abitante in Fondo La Manna e DIA Vincenzo, palermitano classe 1982 abitante in via Pietro Merenda sono stati fermati mentre tentavano di aprire l’ennesima macchina parcheggiata sul lungomare della borgata marinara di Mondello.

I ladri, rubavano chiavi e carta di circolazione, grazie alla quale risalivano all’indirizzo di residenza delle ignare vittime che si trovavano a consumare un bagno o sulla battigia o per una sana passeggiata sul lungomare, altre mentre svolgevano attività ginnica, e senza indugio si dirigevano verso gli appartamenti per metterli a soqquadro mentre gli ignari proprietari erano ancora sulla spiaggia. A seguito delle diverse denunce di furto su autovetture segnalate nella zona di Mondello, ricevute dai diversi Comandi dell’Arma dislocati in tutto il capoluogo i militari dell’Arma si sono subito messi a lavoro predisponendo dei servizi finalizzati alla repressione dei reati contro il patrimonio proprio nella zona balneare che va da “Sferracavallo” a tutta l’area di “Mondello”, in questo periodo esposta ad una maggiore commissione di reati predatori, proprio per la presenza di vacanzieri locali e turisti di ogni parte.

Nell’episodio di ieri, la vittima una signora palermitana, si era recata a Mondello per andare al mare unitamente alla propria figlia e ad un’amica con i suoi due figli. Aveva parcheggiato l’autovettura su viale dei Pioppo per recarsi al mare. Al ritorno la spiacevole sorpresa di trovare la serratura dell’auto danneggiata e il mazzo di chiavi lasciato nel porta-oggetti ed il libretto di circolazione non c’erano più. Occhiali e vestiti griffati erano presenti nell’abitacolo dell’auto ma non erano stati presi minimamente in considerazione dai malviventi e per questo la signora comprendeva immediatamente le conseguenze di quanto accaduto, quale propedeutico ad un successivo furto in abitazione. Per tale ragione avvisava immediatamente i Carabinieri al “112” che prontamente intervenivano sul posto per risalire ad eventuali malfattori. Dopo varie ricerche effettuate in zona venivano notati due soggetti, nella stessa zona, armeggiare vicino ad una Ford Fiesta, subito bloccati e tratti in arresto. I due malviventi hanno poi confermavano di aver fatto il primo furto e di aver tentato di raggiungere la casa indicata come residenza dal libretto di circolazione, ma non avevano avuto fortuna poiché da poco la proprietaria dell’auto aveva cambiato residenza e a giorni era in attesa di ricevere il tagliandino dalla motorizzazione con l’indicazione del nuovo indirizzo.

Addosso, a seguito delle perquisizioni i due abili ladri, venivano recuperate dagli investigatori un mazzo di chiavi ed un iPad di colore grigio, completo di custodia di colore nero, una forbice da elettricista avente manico in plastica di colore rosso con una lama piegata, un coltello multiuso munito di cavatappi ed una barretta di acciaio della lunghezza di 12 cm circa Nr. 2 caschi di colore bianco (utilizzati anche nel corso del furto, che DI MAIO e DIA indossavano al momento del controllo e , un paio di scarpe marca ADIDAS.

I Carabinieri che conducono le indagini hanno recuperato  in un cassonetto di  via Pandora (zona Partanna Mondello) un mazzo di chiavi che veniva riconosciuto senza dubbio dalla vittima.

A questo punto la proprietaria dell’utilitaria veniva invitata in Caserma per sporgere regolare denuncia e analogamente i proprietari della Ford Fiesta e di una Citroen C3, tutte danneggiate.

Le indagini dei Carabinieri, comunque continuano al fine di accertare se i due abili predatori, si sono resi responsabili di altri furti eseguiti con le stesse modalità operative criminali e non si escludono ulteriori sviluppi.

Si fa appello alla cittadinanza di informare subito i Carabinieri al “112” del Pronto Intervento se sono state vittime di analoghi dispiacevoli furti.

A tal proposito, qualche suggerimento viene dettato dai Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo:

–     non lasciare mai in auto, chiavi di casa e qualsiasi documento che possa consentire di risalire all’abitazione del proprietario del veicolo, per non dare la possibilità a malintenzionati di mettere a segno il doppio colpo e, quindi oltre al danno (per il furto sull’autovettura), la beffa di una successiva “visita di topi d’appartamento”;

–     nel caso in cui si smarriscono e/o si subisce il furto di chiavi di casa, provvedere subito a far cambiare le serratura da professionisti qualificati;

–     nel caso che si sentono rumori sospetti provenienti dal vicino di casa o di persone che si aggirano per strada o dentro i condomini non conosciuti, informare subito il “112” cercando contestualmente di fornire elementi utili per identificare eventuali malfattori in piena azione.

I controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo di tutto il versante marino, continueranno per tutto l’arco della stagione estiva e saranno rafforzati soprattutto per nel mese di agosto, dove si prevede una maggiore affluenza di vacanzieri.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...