Gino Di Stefano: “Le bugie dell’ex assessore Luca Tripoli”

A distanza di quasi un anno dalle dimissioni (dovute, opportune e tardive) dell’ex Assessore Luca Tripoli, a Bagheria, i giovani artisti della mistificazione (senza arte e ne parte) continuano imperterriti nelle loro azione di misurarsi continuamente con l’azione di vecchi politici o dei partiti avversi al Movimento Cinque Stelle. Tengo a precisare che questa mia, che si inserisce, nel botta e risposta tra il PD locale e l’ex Assessore Tripoli, non parteggia sicuramente per il Partito Democratico e non rappresenta un mio avvicinamento allo stesso. Nè, tanto meno, scrivo per il bisogno di esternare tutto il mio sdegno per la caparbietà con cui l’ex Assessore Tripoli, mente alla gente: “il Lupo perde il pelo ma non il Vizio”! Ma solo per raccontare, come diceva un vecchio consigliere comunale, “la vera verità”! Sulle bugie stellari dell’ex Assessore, ricordiamo in particolare, tra le tante altre, la questione della casa abusiva della sua famiglia andata alla ribalta nazionale con “le Iene” di Italia Uno, e la vicenda che lo avrebbe visto protagonista in negativo, per aver abusato del Suo potere Istituzionale, a discapito di altri cittadini, per l’ottenimento di una concessione demaniale, che sembrerebbe essere anche oggetto di esposti e denuncie. Sulla questione dei finanziamenti dei progetti DEFINITIVI, già precedentemente inseriti nelle graduatorie di merito relative a strumenti programmatori quali il PO FESR 2007 – 2013, dove l’ex Assessore Tripoli, dichiara che “…. non è un mistero il fatto che avete amministrato talmente male questa città da aver lasciato, tra le atre cose, un parco progetti ridicolo. E infatti non c’era un solo progetto che potesse essere presentato, motivo per il quale all’Amministrazione Cinque non rimase altra scelta che investire sulla progettazione del futuro. …”, potremmo aggiungere fiumi di parole, ma, ormai alla gente e/o ai cittadini utenti, interessano i fatti concreti e non più le chiacchiere o le propagande. Ed è per questo motivo, che da cittadino, da responsabile politico delle Liste “L’Aquilone” ed “Insieme”, e da ex assessore ai Lavori pubblici, che aveva lavorato per portare una serie di finanziamenti in questa città esprimo tutto il mio disappunto alle bugie e falsità dell’ex Luca Tripoli. Dico a chi amministra la città che se non sono all’altezza, di lavorare ad una seria e puntuale programmazione sulle opere pubbliche, si facciano da parte e vadano a fare altro anziché gli amministratori. Bagheria non può permettersi il lusso di perdere tutti questi finanziamenti. Senza dimenticare anche che l’Ufficio Tecnico è stato smantellato, ed a tutt’oggi non si è riusciti a trovare una soluzione sui “CONTRATTISTI”, che svolgevano il grosso del lavoro: e allora come si può andare avanti? Come si può pensare di programmare un serio Piano Triennale delle Opere Pubbliche?». Per dovere di cronaca allego i prospetti in cui si elencano le opere pubbliche che assieme a tutti i colleghi assessori avevamo programmato e raggiunto nel periodo che siamo stati coinvolti (set. 2008 – dic. 2010). Bagheria, li 3 gennaio 17 F.to Gino Di Stefano

GUARDA OPERE PUBBLICHE

opere-pubbliche-allegate

 

n.d.r.

l’ex assessore Luca Tripoli, invia una nota, precisando che “non mi è stata mai rilasciata nessuna concessione demaniale; non mi risulta  di essere soggetto ad indagini, essendo un procedimento di competenza regionale in nessun modo avrei potuto influenzarne l’esito”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...