PD: ‘DEMOCRATICA’, SU BAGHERIA M5S PASSA DA ONESTA’ A OMERTA’

Pubblicato: novembre 9, 2017 in Ambiente, Bagheria, Politica, Provincia di Palermo, Regione Sicilia

Roma, 9 nov. – “Rifiuto in atti d’ufficio, abuso d’ufficio, rivelazione di segreto d’ufficio e turbativa d’asta. Sono questi i capi di imputazione contenuti nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari che la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese ha emesso nei confronti del Sindaco Patrizio Cinque, punta di diamante del Movimento Cinque Stelle Siciliano, e di altri 23 funzionari e dipendenti del Comune di Bagheria. Uno scenario preoccupante al quale si aggiunge il provvedimento con cui il Settore Vigilanza Urbanistica della Regione Siciliana ha intimato e diffidato il Sindaco di Bagheria a procedere immediatamente alla modifica del regolamento sugli immobili abusivi, risultato illegittimo nella parte in cui sospende le demolizioni di case e ville situate in aree vincolate e di inedificabilita’ assoluta, alcune delle quali di proprieta’ dei familiari dello stesso Sindaco e di altri amministratori pentastellati. E’ questo il vero “modello Bagheria”, quello che Luigi Di Maio ha sempre citato come esempio da esportare in tutta Italia e che, oggi, in soli tre anni di amministrazione mostra tutta l’incapacita’ e la spregiudicatezza dei 5 Stelle”.

Lo si legge in un articolo di ‘Democratica’, dedicato a Bagheria, del segretario provinciale del Pd palermitano, Carmelo Miceli.

L’articolo di Miceli prosegue: “Un modello lontano anni luce dalla tanto decantata trasparenza e imparzialita’, nel quale emerge in modo allarmante la propensione di un gruppo politico che ha conquistato il potere e che, nel rispetto delle logiche della prima repubblica, si preoccupa di tutelare gli interessi delle proprie famiglie, dei propri amici e degli “amici degli amici”.

“Un modello sul quale, la Segreteria Provinciale del PD di Palermo e quella cittadina di Bagheria, da mesi e senza esito, chiedono un confronto pubblico al Sindaco Patrizio Cinque e al (fu) leader siciliano del Movimento, Giancarlo Cancelleri.

Un modello del quale, oggi, anche Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e Beppe Grillo hanno smesso di parlare, dando l’ennesima conferma che dall’onesta’ all’omerta’ il passo e’ molto piu’ breve di quanto si possa immaginare”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...